Post eBay 10:”MY KABOODLE”( EBAY) TWO:COMMENTS IN SEVERAL NEWSPAPER OF THE WORLD OF MY TWO BOOKS

Attention:questi sono commenti allegati agli articoli della pubblicazione dei mie libri su “MY KABOODLE”.( Pagina di questo stesso EBAY).Motivi tecnici mi impediscono una gestione adeguata dei miei articoli per cui ho deciso trasloccarli cua e quel sito rimane fuori uso temporanamente.Presto saranno aggiornati e tradotti all’Innglese.

Se vuoi vedere una versione corretta di “MY KABOODLE” clicca cua:
E se vuoi leggere i miei libri completi clicca cua:

COMMENTO I

Questo è un mio commento nel giornale online Francese “AGORAVOX”.

> Téléphonie mobile : trafic d’influence à l’OMS ?
par DOTT.G.CIANCIMINO TORTORICI (IP:xxx.x25.16.54) le 1er février 2007 à 21H40

Sopra l’articolo e sotto il mio commento.

EN ITALIEN: Contaminazione eletromagnetica ?Non credo che un telefono mobile,portatile,cellulare possa contaminare piu di un Radioemisore ed io non ho mai visto una preocupazione del genere di parte dei miei colleghi dell’OMS ne di nessun altro operatore medico o non medico che sia ? Non ci sono studi scientifiche serie che permettano affermare che l’uso dei telefoni portatili comporti un danno per la salute.Ed inoltre ancora non sono trascorsi 10 anni della prima preocupazione seria su questo problema,e questo e il tempo che bisognerebbe aspettare per capire se l’uso di questo strumento tecnologico possa ammalarci. Ma cosa si nasconde dietro questa preocupazione dell’OMS ? 1)Gli interessi concorrenziali circostanziali dell’industrie che fabricano questa tecnologia.Questa e una conseguenza ovvia dopo il nascimento di questa tecnologia.Ma ’c’e’dell’altro. 2)Gli interessi dei mezzi alternativi che vorrevebbero non averla visto nascere mai.E mi riferisco al computer ed internet.Ma aldila degli interessi economici ci sono posizioni vitali filosofiche di una certa elitte oscurantista che non si avviene a fare buona amicizia con la comunicazione naturale proposta dal telefono mobile e preferisce puntare sul virtuale.Questi interessi furono irriconciliabili fino a che internet non ha potuto funzionare su i telefoni portatili(capaci di usare i segnali Wi-Fi per collegarsi ad internet senza fili ed in banda larga).Certo e stato sacrificato il computer casalingo 3)Pero la stessa OMS non e neutrale:si sa che i servizi mediatici a distanza sono nati dalla medicina,TELEMEDICINA appunto, ed anche i Telefoni portatili,pero l’attegiamento dei miei colleghi su questo argomento e sempre stato di ambigua speculazione, ci sono quelli che preferiscono tenere in segreto il parto per beneficiarsi dell’informazione privilegiata, ci sono altri che non accettano in buona pace questa nascita condivisa con altri discipline scientifiche,e ci sono quelli che negano tale parto per occultare l’origine(“questo e un figlio naturale e per giunta nato fuori di casa”) Se vuoi saperne di piu cerca cua.
—————
Dopo questa pubblicazione si ha scatenato online un dibattito sull’argomento della contaminazione elettromagnetica è la tecnologia della nuova era(WIFI) è qui pubblico soltanto due mie commenti sull’inizio e la fine del dibattito.
COMMENTO 2

venerdì, 7. settembre 2007

“NESSUN DORMA”:WI-FI,CONTAMINAZIONE ELETTROMAGNETICA,O.M.S.,SCIENZIATI AMERICANI E NUOVA ERA

Leggi sotto il mio commento-reazione all’articolo “Le sans-fil nuit a’ votre sante'”pubblicato sul CORRIERE della Francia.
————————————————————-
QUESTO E’ L’ARTICOLO
Veuillez cliquer sur le bouton “imprimer” de votre navigateur.

Courrier international – 5 sept. 2007

Article
SCIENCES – Le sans-fil nuit à votre santé

Un groupe de scientifiques américains vient de publier un rapport qui met en garde contre les dangers du téléphone portable et de la technologie wi-fi. Un nouvel élément à apporter au débat en cours dans plusieurs pays, rappelle Le Soir.

Risque accru de leucémie infantile, de cancer du cerveau, d’Alzheimer, désordres acoustiques, problèmes nerveux variés, modification de l’ADN, troubles du sommeil C’est un nouveau message d’alerte que lancent une vingtaine de scientifiques américains, médecins pour la plupart. Publié vendredi dernier, leur volumineux rapport, “Bio Initiative”, fait la synthèse des centaines d’études consacrées à l’impact sanitaire des champs électromagnétiques sur l’homme. “Le déploiement sans entraves des technologies sans fil est vraisemblablement risqué et sera difficile à contrer si la société ne prend pas des décisions rapides portant sur de nouvelles limites d’exposition, conclut le rapport. Comme il n’est pas réaliste de reconstruire tous les systèmes de distribution électrique à court terme, des étapes pour réduire l’exposition liée aux systèmes existants doivent être initiées et encouragées, particulièrement dans les lieux où les enfants passent du temps.”Vous ne pouvez pas la voir, la sentir, la goûter ? “La pollution électromagnétique est pourtant l’exposition la plus envahissante à laquelle les êtres humains soient soumis dans les pays occidentaux, constatent les experts. Notre société ne peut plus se payer le luxe d’attendre avant d’agir.” Attendre, c’est pourtant le credo de l’Organisation mondiale de la santé (OMS), dont le discours rassurant est aux antipodes des signes d’inquiétude scientifique lancés depuis bientôt six ans (appels de Fribourg en 2002, d’Helsinki en 2005 et de Benevento en 2006). Nouvel écho de ces craintes, le débat sur le possible bannissement des systèmes wi-fi dans les écoles en Grande-Bretagne. De son côté, le gouvernement allemand, vient de déconseiller l’usage du wi-fi à domicile et de “préférer autant que possible l’utilisation de solutions filaires traditionnelles plutôt que de connexions sans fil”.Et en Belgique ? “Nous travaillons actuellement sur une nouvelle note consacrée à cette question”, explique le Pr André Vander Vorst, membre du Conseil supérieur de la santé (CSS) en Belgique et aux Pays-Bas. “Elle devrait aboutir en décembre. Je rappellerai simplement que, si l’on veut agir de manière prudente, il convient de considérer la somme de l’exposition à laquelle un individu peut être soumis. C’est pourquoi le Conseil supérieur fédéral avait recommandé en 2004 de ne pas dépasser 3 volts par mètre – en aucun endroit et à aucun moment.” Négligeant cette recommandation, le gouvernement fédéral sortant a préféré adopter un arrêté royal imposant aux opérateurs de ne pas dépasser 20,6 volts par mètre. Six fois plus que la recommandation prônée par les scientifiques, mais deux fois moins que la valeur maximale préconisée par l’OMS.Le brouillard électromagnétique est de plus en plus dense : 8 000 stations-relais sont recensées sur le sol belge et, si l’on en croit les prophéties touchant à la “téléphonie de la troisième génération”, ce chiffre devrait augmenter de 50 % d’ici la fin de la décennie. Vigilance, donc ? “On met l’accent sur les risques du wi-fi, mais, à mon sens, les téléphones numériques sans fil, de type DECT, utilisés chez les particuliers, représentent un bien plus grand danger, estime André Vander Vorst. Cette technologie héritée de l’industrie permet de gérer une dizaine de communications simultanément et émet en permanence, 24 heures sur 24, dans les habitations. Si bien que l’intensité du champ émis est largement supérieure au rayonnement des antennes GSM.”Faut-il dès lors privilégier le bon vieux sans fil ? Pour le scientifique belge, la prudence extrême doit s’imposer en attendant 2015, date à laquelle le recul sera suffisant pour juger de l’impact global de la téléphonie mobile sur la santé. Et, à défaut de pouvoir interdire certaines technologies comme ces téléphones de type DECT, le membre du Conseil supérieur attend des pouvoirs publics qu’ils imposent aux constructeurs l’obligation d’informer le consommateur quant à la puissance de ces téléphones et autres “baby-phones” sans fil. Avant peut-être un jour d’y voir figurer cette mention : “Cet appareil peut nuire gravement à votre santé”.REPÈRESLe téléphone portable sans fil à domicile (DECT).Ils émettent sans discontinuer des ondes pulsées dont la puissance est souvent supérieure aux 3 volts par mètre préconisés par le Conseil supérieur de la santé.L’antenne relais GSM.Les normes belges, fixées à 20,6 V/m, sont jugées suffisantes par l’OMS, mais très critiquées. La majorité des antennes émettent dans les faits au-dessous de 3 V/m, si l’on en croit l’Institut belge des télécommunications.Le système wi-fi.L’ordinateur sans fil (wi-fi) rayonne sur la même fréquence que le four à micro-ondes… mais sa puissance est nettement moins importante. Il est recommandé de ne pas laisser son wi-fi “allumé” 24 heures sur 24.Le GSM.De plus en plus de pédiatres déconseillent son utilisation avant l’âge de 15 ans. L’exposition est maximale lors d’une communication (10 à 20 V/m) , en France, publie un classement des marques selon leur rayonnement.

Christophe Schoune
Le Soir
© Courrier international 2007 ISSN de la publication électronique : 1768-3076

E QUESTA E’ LA MIA OPINIONE-REAZIONE:

PREOCUPAZIONE LODEVOLE PERO CON PRUDENZA.L’ESPOSIZIONE VA CONTROLLATA PUR CHE NON DIVENGA IN UN SABOTAGGIO DELLO SVILUPPO DELLE TECNOLOGIE DELLE TELECOMUNICAZIONI SENZA FILI(DI LORO GIA SI STA BENEFICIANDO PURE INTERNET E LA SUA TECNOLOGIA FISSA.
E POI SE IN ALTRI SCRITTI HO ACCUSATO L’O.M.S. DI ESSERE GIUDICE E PARTE NEL CONTROLLO DEI POTENZIALI EFETTI NOCIVI DELL’USO DEI CELLULARI NON VORREI DOMANI ACCUSARE I SCIENTIFICI AMERICANI DI PRENDERE PARTE IN UNA “ARTIFICIALE” GARA FRA I CELLULARI ED INTERNET:ORMAI L’INTEGRAZIONE NATURALE DELLE TECNOLOGIE DEGLI ORGANI DEI SENSI IN UN SOLO ISTRUMENTO E’ UNA REALTA INARRESTABILE PLASMATA IN UNA “NUOVA ERA” CHE COINVOLGE NON SOLO LE TELECOMUNICAZIONI O LA TELEMEDICINA MA TUTTO IL DAFFARE UMANO;E L’UNO E L’ALTRO SI NECESSITANO A VICENDA.
IL WI-FI E’ IL FUTURO DELLA COMUNICAZIONE E L’ALLARGAMENTO DELL’ESTENZIONE NATURALE DEGLI ORGANI DEI SENSI CHE NE DEVENDRA FARA L’UOMO PIU COMUNICATO,PIU “VICINO” PIU AUTONOMO,MENO SOLO,MEGLIO INSOMMA.QUESTE TECNOLOGIE E L’ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI IN GENERE DEVONO ESSERE CONTROLLATI MA IL CELLULARE ED IL WI-FI IN GENERE NON VA SACRIFICATO.LA PREVENZIONE VA ATTUATA GIA,MA ANCORA NON CI SONO MOTIVI PER ESSAGERARE LE PREOCUPAZIONI.I PRIMI EFETTI PATOLOGICHE SE ACCADRANNO POTRANNO ESSERE VALUTATI FRA QUANDO AVRANNO TRASCORSO 10 DELLE PRIME ALLARME DELLA COMMUNITA SCIENTIFICA SU QUESTO ARGOMENTO.NON VADA A FINIRE COME IL NUCLEARE CHE NELLA NOSTRA VECCHIA EUROPA E NON SOLO ,QUELLI STESSI CHE LO HANNO SPUTANATO ORA LO VOGLIONO RIVENDICARE E RIPRISTINARE:NESSUN DORMA,LE FORZE DELL’OSCURANTISMO NON LO FANNO MAI.
Consiglio informarsi meglio cliccando il sito O.M.S. in FRANCIA e vedendo la traduzione Italiana fatta dalla Fondazione MARCONI-Ugo Boedoni dell’Universita di Bologna dil dossier “ELETTRA 2000” dil progetto CEM(Le champs electromagnetiques):
http://www.who.int/peh-emf/fr/
(L’iformazione non e’ “ultraspecializata”pero è aggiornata, “da tenere presente”.Forma parte di quella che possiedono e vedono tutti)
—————————————–

COMMENTO 3

mercoledì, 10. ottobre 2007

VI RACCONTO LA VITTORIA DEL BUON “CON-SENSO”,E DELLA “NUOVA ERA”

“LA VOCE DEL SOLILOCCHIO E LA VITTORIA DELLA VIGILIA” POTREBBE ESSERE UN’ALTRO TITOLO PER QUESTO SCRITTO.INFATTI NON TUTTO E’ NEGATIVO E DI FRONTE AI CULTORI DEL “CONSENSO A PRIORI” CHE VORREBERO PARLARE CON UNA SOLA VOCE IN CAPITOLO SI SONO ALZATI QUELLE CHE SI SONO “SVEGLIATI” ED E’ PREVALSO IL BUON SENSO,CIO’E’ IL “CON-SENSO”.MA ANCORA.. “NESSUN DORMA”. VEDIAMO.
CHE LA “NUOVA ERA”,CIOE’ L’INTEGRAZIONE NATURALE DEGLI ORGANI DEI SENSI IN UN SOLO ISTRUMENTO TECNOLOGICO DELLE TELECOMUNICAZIONE E DEI MEDIAS,SIA UNA COSA DEFINITIVAMENTE CONSOLIDATA ED IMPOSTA DA MOLTO TEMPO INDIETRO NON E’ UNA NOVITA E PUOI LEGGERLO NEL MIO LIBRO,NEGLI ALTRI POSTI DI QUESTO BLOG E PUBBLICAZIONI ONLINE.
MA PUOI VEDERLO ANCHE RISPECCHIATO IN UN ALTRO FATTO DI QUESTI GIORNI RIPORTATO IN QUESTA NOTIZIA PUBBLICATA SU TUTTA LA STAMPA D’ITALIA E DI EUROPA CHE IO RIPRENDO DAL “CORRIERE DELLA SERA” CON IL TITOLO, “FISSO-MOBILE,BLITZ DI VODAFONE:COMPRA TELE 2 IN ITALIA E SPAGNA”,E LA INCOLLO DI SEGUITO:
Sezione: varie – Pagina: 029
(7 ottobre, 2007) – Corriere della Sera
Guindani: rafforzeremo la rete. La mossa nella fascia di Internet veloce
Fisso-mobile, blitz di Vodafone Compra Tele2 in Italia e Spagna
Avrà 2,6 milioni di clienti, investimento da 775 milioniROMA – Vodafone, colosso inglese della telefonia, mette a segno la doppia acquisizione di Tele2 Italia e Tele2 Spagna, e si espande così nella telefonia fissa ma soprattutto nel ricco mercato della banda larga. L’ operazione, costata complessivamente 775 milioni, permetterà al gruppo di rispondere al «quadruple play»: l’ offerta di quattro servizi in uno (fisso, mobile, tv e Internet) lanciata il 1° ottobre da Telecom Italia. A vendere è stata la svedese Tele2, presente in 22 Paesi europei, che avrebbe messo sul mercato due tra le aziende che considererebbe meno strategiche. Un’ offerta in Italia sarebbe stata avanzata anche da Tiscali, mentre si sarebbero dette interessate all’ acquisto Wind e Fastweb. In particolare, secondo fonti finanziarie, Tele2 Italia sarebbe stata valutata intorno ai 500 milioni, poco più di 200 invece l’ azienda spagnola. In Italia Tele2, che è presente sul mercato dal 1999, conta circa 2,5 milioni di clienti tra servizi di telefonia fissa e Internet, ma poiché l’ operatore non è dotato di propria rete, in realtà i clienti diretti, cioè quelli che non si appoggiano sulle strutture di Telecom, sarebbero oltre 400 mila. Tele 2 Spagna conta invece 550 mila clienti, compresi i 240 mila della banda larga. Tele 2 Italia nel 2006 ha registrato ricavi per 546 milioni di euro, mentre nel primo semestre 2007 gli incassi sono cresciuti dell’ 8,5%, raggiungendo i 298 milioni di euro. L’ azienda ha circa 100 dipendenti nella sede di Segrate (Milano) e 1.600 operatori nei call center dell’ Aquila, di Cernusco sul Naviglio, di Bari e di Lecce. A questo punto l’ acquisizione sarà sottoposta al vaglio delle autorità di vigilanza competenti. La previsione di chiusura è per la fine dell’ anno. Vodafone ha intenzione di potenziare le capacità dei due operatori: nel piano di investimenti c’ è il raddoppio dei nodi di accesso alla rete entro i prossimi 12 mesi e la conversione della rete alla tecnologia IP. L’ idea di fondo è quella di beneficiare delle notevoli opportunità di crescita della banda larga fissa che sta evidenziando una significativa diffusione dei servizi sia in Italia che in Spagna. Nel quadriennio 2006-09 la previsione di crescita è del 4,3% rispetto allo 0,7% della telefonia mobile. L’ acquisto di Tele2 da parte di Vodafone Italia s’ iscrive proprio nella strategia di ampliare la propria presenza in un settore in cui l’ azienda acquisita detiene una quota di mercato pari al 4%. L’ integrazione delle reti di Tele2 e di Vodafone Italia, oltre a produrre sinergie di costo, consentirà a quest’ ultima di proporre un’ offerta integrata utilizzando una vasta gamma di tecnologie: dalla telefonia fissa via radio con Vodafone Casa, che sta per partire, alla rete fissa DSL, concretizzando l’ offerta di servizi di comunicazione totale, per la clientela residenziale e per le imprese. Pietro Guindani, amministratore delegato di Vodafone Italia, sintetizza così il senso dell’ operazione: «Vodafone realizza la sua prima acquisizione in Italia, un passo in avanti importantissimo nell’ attuazione della strategia di crescita focalizzata su due nuove aree di sviluppo: i servizi integrati fisso-mobile e la banda larga fissa e mobile». «Nel mondo della telefonia fissa – ha aggiunto – Vodafone porterà nei prossimi anni libertà di scelta, innovazione, concorrenza e servizi di qualità per tutti i clienti, così come ha fatto nella telefonia mobile». * * * 546 MILIONI DI EURO, i ricavi di Tele2 Italia nel 2006. Il numero dei clienti viaggia intorno ai 2,5 milioni
Baccaro Antonella
———————————————————————–
DELLA LETTURA DI QUESTA RIPERCUSSIONE SI PUO VEDERE,OLTRE AL CONSOLIDAMENTO DELLA “NUOVA ERA”; CHE LA MIA PREDICA DI QUESTE GIORNI CHIAMANDO ALLA PRUDENZA IN QUESTA GARA CONCORRENZIALE FRA LA TECNOLOGIA DEI CELLULARI ED INTERNET, E PIU IN GENERE FRA LE TECNOLOGIE “SENZA FILI” E “CON FILI” NON E’ STATA LANCIATA A VUOTO.(1)
INFATTI C’E’ STATO “CON-SENSO” ED E’ PREVALSO IL BUON SENSO E LA CONCORDIA DI FRONTE A CERTE “CONSENSUALITA” CHE TRANSCURANO LA VERITA SCIENTIFICA PER UN’ALTRA “RIVELATA”:INFATTI VODAFONE CHE E’ LA PIU GRANDE AZIENDA DI TELEFONIA D’INGLITTERA(UN “COLOSSO DELLA TELEFONIA”LA DEFINISCE IL GIORNALE) HA DECISO AQUISTARE DUE GRANDI RETI D’ITALIA E LA SPAGNA PER OFFRIRE SERVIZI DI INTERNET OLTRE ALLA TELEFONIA MOBILE E FISSA E LA TIVU ;CIO’E’ LE TECNOLOGIE DEI CELLULARI E QUELLE DI INTERNET ED ANCHE DI ALTRI MEDIA LAVORERANNO INTEGRATI. E QUESTA E’ STATA LA MIA PREDICA FIN DALL’INIZIO NEL PRIMO MONITO LANCIATO IN “NESSUN DORMA”I.E NON E’ L’UNICA AZIENDA A FARSI AVANTI,ANCHE ALTRE TRE “GRANDI” DELLE TELECOMUNICAZIONI COME TISCALI,FASTWEB E WIND HANNO COMPETTUTO PER L’AQUISTO.
ALLORA QUELLO DEL TITOLO:VI RACCONTO LA VITTORIA DIL “CON- SENSO”;IL FISSO ED IL MOBILE,I SENZA FILI E I “CON FILI”,INTERNET ED IL CELLULARE CONTINUERANNO A LAVORARE INSIEME NELLA COSTRUZIONE DI QUESTA “NUOVA ERA”.
NON TUTTO E’ OMOGENEA “CONSENSUALITA” INTORNO A CERTE “VERITA RIVELATI”, CHE NON HANNO RISCONTRO NELLA PROVA DELL’ERRORE DEL METODO DELLE SCIENZE NATURALI MA IN OPINIONI E CREDENZE “FILOSCIENTIFICHE” PRESUNTAMENTE “CONDIVISI” DA MOLTI.
(TANTO VERE E TANTO “MULTITUDINARI” QUANTO NE SIA CAPACE DI FARE IMMAGINARE LA STAMPA). (2)
NON TUTTO E’ OSCURANTISMO E NON TUTTO E’ TRANSFORMISMO DI CERTE “LUMINARIE” CHE RIVIDICANO VIRTU CHE NON SONO TALI E MERITI CHE NON GLI APPARTENGONO E PRETENDONO PARLARE CON UNA UNICA VOCE IN CAPITOLO,QUELLA DIL SOSPETTO INFONDATO,DELL’IMPOSSIBILE CONSENSO;QUELLA DIL “CHI VA LA” ALLE OMBRE DOVE OMBRE NON CI SONO.QUELLO DELL’INIZIO:!NESSUN DORMA!. (3)
————————————————–
(1)Leggi la “predica della prudenza” il richiamo alla “vigilia” in “NESSUN DORMA” I E II,”NESSUN DORME” I E II ,”LA NASCITA DELLA “MEDICINA CONSENSUALE”I E II ,ed altri scritti,in questo stesso blog .
(2)E vi ricordo che l’azienda venditrice è una azienda Svedese e quella che aquista,in Italia e la Spagna ,è un azienda Inglese cioè due paesi che hanno stabilito che l’uso del cellulare non poteva essere associato a danni biologici; venendo cosi a darmi ragione quando afermo che certi cultori dei giornalismo catastrofe preferiscono fare cenno su quanto c’è di saggio riparo e prudenza nelle conlusioni dei scientifici trascurando la vera sostanza delle sue conclusioni,per un’altra interpretazione “rivelata” ispirata da “luminarie” .(clicca sopra Item 1 ,URL 5).
——————————————————————
O.M.S. MARCONI ED IL SESSO DEGLI ANGELI

Vorrei finire questa discussione senza senso dicendo che in tutti questi post sullo “smog elettromagnetico” e i presunti efetti nocivi dei “senza fili”non ho mai entrato nel merito scientifico di questi pubblicazioni di stampa perche non gli giudico serie,perche non gli giudico imparziali e perche non è la stampa dove dovrebbero ventilarsi questi argomenti cosi sensibbili per l’opinione pubblica.Io mi sono limitato a fare un’analisi,”semiotico” se vuoi, degli articoli giornalistici e le sue fallacie .
Pero dal punto di vista scientifico finiro facendo riferimento agli studi dell’O.M.S. su questi argomenti.Come si sa secondo me l’O.M.S. non è parte neutrale in questa “gara”.L’O.M.S. è giudice è parte,e diciamolo chiaro,senzi sfumature scientifiche ne di nessun altro tipo,non è dalla parte del cellulare,e per tanto gli prendo nel frainteso che è insospettabile di parzialita a favore delle mie opinioni.
Faro riferimento alla traduzione Italiana (fatta dalla Fondazione MARCONI-Ugo Bordoni dell’Universita di Bologna) del dossier “ELETTRA 2000” del progetto CEM(“Le champs electomagnetiques”) dell’O.M.S. ,scaricato dal sito ufficiale in FRANCIA.(vedi sotto)
Dalla lettura di questi studi risulta chiaro,anche se con i ripari scientifici dil caso in un tema cosi sensibile nell’opinione pubblica ,che :”Sulla base di una recente ed aprofondita rassegna della letteratura scientifica l’O.M.S. ha concluso che le eviedenze attuali non provano che l’esposizione a bassi livelli di campi elettromagnetici(che sono quelli a qui siamo esposti quotidianamente) abbia alcuna conseguenza sulla salute.Essistono comunque alcune lacune nelle conoscenze sugl effetti biologici,che richiedono ulteriori ricerche” (Riferisce a 25.000 articoli scientifici pubblicati negli ultimi 30 anni nel settore degli effetti biologici e delle applicazione mediche delle radiazioni non ionizzanti.)
Ma allora cosa c’e dietro queste campagne di stampa?Penso che oltre agli interessi materiali,le gelosie dei professionisti (Ingenieri,Tecnici di informatica,computazione,delle scienze delle comunicazioni in genere,specialita mediche varie come dermatologhi,biochimici,oncologhi,ecc) ci sia ben altro piu profondo,e cio’è un dibattito che va aldila degli aspetti scientifici mettendo in discussione perfino il metodo delle scienze naturali:E mi apoggio un’altra volta alle parole dell’OMS che in un capitolo della pubblicazione intitolato”Difficolta nell’escludere la possibilita di rischi molto piccoli” afferma:”L’assenza di prove di effetti nocivi non sembra sufficente nella societa moderna.Si pretende invece sempre piu la prova della lora assenza”.Ma chi l’ha detto?:Barnabas Kunsch del Centro Austriaco di Ricerca di Seibesdorf è la fonte-matrice di questa opinione.Come si vede c’è quello che in giurisprudenza si chiama “l’inversione della carica della prova”:non è sufficente che non ci siano prove scientifiche di nocivita,bisogna dimostrare l’assenza di effetti nocivi.Quale è la differenza?Di metodo,ovvio,fra altri.Lo afferma questo stesso scritto,vedi:”Ma perche la ricerca dovrebbe continuare se gli scienziati hanno gia dimostrato che non c’è alcun effetto?,si domanda piu avanti.E fra l’altro risponde”L’assenza di un efetto potrebbe significare che efettivamente non ne essiste alcuno ma potrebbe altrettanto bene significare che l’efetto è semplcemente non rilevabile con il nostro METODO di misura.”

Dico io:non dovrebbe essere l’uomo il fine ultimo delle ricerche cosi come è l’uomo il destinatario di queste tecnologie?.Lodevole è ogni sforzo per prevenire noxe e i suoi efetti,ma senza di perdere di vista l’uomo in quanto soggetto delle sofferenze e vettore delle noxe.
In qualche misura in questo stesso brano non mi viene dato torto a queste parole quando afferma:”Comunque per le ragioni esposti in precedenza la maggior parte degli scienziati e dei medici concordano che qualunque tipo di effetto sanitario dei campi elettromagnetico di bassa intensita ,ammesso che essista effettivamente ,è probabilmente PICCOLISIMO rispetto agli altri rischi che si incontrano nella VITA QUOTIDIANA”
Perche vedi,sempre secondo me, oltre al METODO dietro questo “accanimento inquisitorio” delle “ricerche scientifiche” (e dalla praxis delle stampa in un’altro campo) in cerca di ombre dove non ci sono;viene fouri che c’è l’intenzione di mettere in discussione i fondamenti stessi delle scienze naturali e i suo metodo di verifica,di prova ed errore stabilendo l’origine sulla nascita della creatura(cellulare) in questi termini:il cellulare è stato creato(scoperto) o inventato?E stata la creativita umana a portarlo alla “realta dei vivi”, o il soffio ispiratrice di qualche spirito corporizzato in un personaggio,singolo o collettivo?Ogni uno avra la sua rispota a questa interrogante piu metafisica che scientifica in concordanza con le sue credenze;pero i fatti sono i fatti.E a questo punto direi che porrere questo quesito è come discutere il sesso degli angeli:una discussione sterile perche non finira mai e non portera a nessuna conclusione,insomma.
E tutto questo è in linea di coerenza con tutto quanto vengo afermando dall’inizio del libro in avanti,e anche qui sopra per quanto riguarda a questi pubblicazzioni pseudoscientifici di stampa.
Ma sia come sia io ora finisco per non tornare piu sull’argomento dello “smog alettromagnetico”riportando un’altro brano dello stesso scritto dell’O.M.S. per quanto riguarda alla risponsabilita della stampa.Nel capitolo intitolato “Sviluppi della ricerca” esprime:”Se i campi elettromagnetici costituiscono effettivamente un rischio sanitario,vi saranno conseguenze in tutti i paesi industrializati.Il pubblico richiede risposte concrete a una domanda sempre piu pressante:se i campi elettromagnetici incontrati nella vita quotidiana provochino effetti nocivi per la salute.I mezzi di informazione sembrano spesso avere risposte definitive.Si dovrebbero pero valutare con prudenza le loro affermazioni ,tenendo presente che il principale interesse dei mezzi di informazione non è quello di istruire.Nella scelta e nella presentazione di una storia,un giornalista puo essere motivato da diverse ragioni non tecniche:i giornalisti sono in competizione tra loro,sia sul tempo sia sulle aree a coprire ,e i vari giornali lottano per il maggior numero di copie vendute.I titoli senzazionalisti ,che colposcano il maggior numero di persone li aiutano a raggiungere questi obiettivi:le cattive notizie non solo notizie grosse ,ma spesso sono le sole che ascoltiamo .Il gran numero di ricerche che suggeriscano che i campi elettromagnetici sono innocui recevono percio scarsa attenzione,o non ne ricevono affatto.La scienza non puo fornire la garanzia di un’assoluta innocuita;i resultati della ricerca sono pero,nel loro compesso,rassicuranti”.Non confondetevi ,lo ha detto l’O.M.S.,mica io.
Infatti malgrado io sia dil parere che questo stesso dossier sia tendenziosamente essagerato nelle cautele,come quando prende essempio di esposizione rischiosa due patologie tipo asma e arritmie cardiaci(pace maker) qualificandoli di “persone sensibbili”(leggi fotocopia sotto)i portatori esposti ai campi quando sono adiritttura situazioni al di sotto delle soglia e quindi esclusi di qualsiasi campione di normalita,conclude con affermazioni che chirascono quanto detto sopra e confermano tutto quanto sono venuto affermando previamente negli altri post.Vedi:”Via via che si accumulano nuovi dati della ricerca ,diventa sempre piu improbabile che l’esposizione a campi elettromagnetici costituisca un serio problema sanitario ,(è scritto in altri post no?,”il tempo lavora a favore di queste tecnologie” dicevo io)anche se rimangono alcuni incertezze”. E poi ancora:”I dibattiti pubblici sui campi elettromagnetici si concentrano sui potenziali danni dei campi elettromagnetici ma spesso ignorano benefici associati alle tecnologie basate su questi campi.Senza elettricita la societa sarebbe alla paralisi .Anche le trasmissioni radiotelevisive e le telecomunicazioni sono un dato di fatto della vita moderna,E essenziale analizzare benefici e potenziali rischi e farne un bilancio”.Insomma l’ho detto prima e forse non dovremmo rivedere tutte le conoscenze aquisiti in medicina e telecomunicazioni da 100 anni in dietro circa e gli ambulatori oncologici non sofriranno una “corrida” .Se io non fosse assolutamente estraneo a l’O.M.S.,a MARCONI all’Universita di BOLOGNA al sito online,e molto meno con questa Bordoni che non so ne anche chi sia ,direi che questo dossier in buona misura è fatto sulle mie opinioni.Ovvio è soltanto una battuta scherzosa nel piano della “fiction”, pero mi auguro che coincidano con me.
A tutti allora consiglierei informarsi adeguatamente.Vedi il testimonio grafico sotto(fotocopia) o cliccando di seguito:
(L’iformazione non e’ “ultraspecializata”pero è aggiornata,”(vedi sotto fotocopia)da tenere presente”.Forma parte di quella che possiedono e vedono tutti)

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: